Bagni di sabbia

Ci sono una marea di blog che chiudono per l’estate. Il mio no, ho deciso. Tanto il pc me lo porto dietro, venerdì, quando parto e qualcosina, in qualche modo, ce la metterò dentro. Ci sono sempre tante cose da dire e io sò la solita sfrigolatrice di cose da dire, no? Però, se avessi voluto chiudere il blog per le ferie, lo avrei fatto con questa cartolina. Una di quelle antiche che mi ha regalato mio fratello.

bagni di sabbiaLa riesci a vedere? Riesci a capire cosa sono? Sono dei bagni; bagni di sabbia. E’ una cartolina degli anni ’70. Qua, la gente, ci veniva a fare i bagni di sabbia!! E io non sapevo nemmeno che esistessero davvero! Il posto è vicino a Grado. Il mio capo, dell’età di Marco, mi ha detto di esserci stato, quando era giovane. Mah… Degustibus… La cosa che mi ha fatto più specie, però, è stato che qua, ci sono solo uomini. Uomini che aspettano di coprire la gente (e magari, le signorine) con la sabbia. Mi stupisce l’organizzazione quasi marziale e le figure felliniane che ne fanno parte. Lo vedi quello là a destra che è seduto sulla paratia azzurra e che gira i piedi nella sabbia? Lo facciamo tutti, neh? Che cosa strana è il passato. Quando andammo in viaggio di nozze a Hurgada “affittammo” un simpaticissimo tassista per una settimana che ci scarrozzò nei posti più belli della zona. Quel taxi con il pelo di ghepardo finto sui sedili e i dadi pelosi attaccati allo specchietto retrovisore, non lo dimenticherò mai. Un giorno, il tizio ci portò in una spiaggia deserta che più deserta non ce n’era. Tish Ke Daba (o qualcosa del genere). Là ci lasciò fare snorkeling nell’acqua, a pelo del meraviglioso reef dove vidi pesci stupendi e feci anche un incontro pericolosissimo con un pesce scorpione. L’acqua che era così caaalda. Il tassista, poi, suggerì di farmi il bagno di sabbia. Marpione… 🙂 Marco acconsentì e io mi vidi sommergere, lentamente di sabbia. Pensavo che avrei soffocato e, invece, così non fu, anzi, faceva quasi fresco! Non sapevamo ancora che ero già incinta. Incinta durante il viaggio di nozze, pensa te. Da allora Marco, quando ne parliamo, fa la battuta e dice che lui è “Inseminator” ahahah, contento lui… 🙂 Beh, fu così che Laura ed io facemmo il nostro primo ed ultimo bagno di sabbia sotto l’occhio vigile e attento di Marco che non si fidava del povero uomo il quale continuava a dire che era davvero terapeutica, la cosa! Se me lo proponessero adesso, gli darei un pugno in faccia… 🙂

4 pensieri riguardo “Bagni di sabbia

  1. grado? so che è meta apprezzata ma a me piace tuffarmi… lì cammini per un chilometro entrando in acqua prima che il livello ti arrivi alle ginocchia…

    bene romala… mi saresti mancata se avessi chiuso per ferie

    "Mi piace"

  2. Mi che forza, non avevo mai visto una cosa simile! Ma adesso si fanno ancora? Grado, che cittadina carina, è da molto che non vado! Anch’io porterò il portatile. L’idea di fare un “diario di viaggio” mi alletta davvero un casino ma dove andrò io non c’è connessione stabile (non hanno manco l’ADSL, e parlo di un paese in prov. di Udine :-() Quindi sarà un pò difficile ma ci provo.
    Ci si trova in giro allora!
    Ciaoooooo
    Irene 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...