Bastardo

snoopy_2

E’ meglio aver amato e perso piuttosto che non aver mai amato. Così dicono e così ho sempre pensato, creduto e sperato. Ora. Ora. Ora. Ora ti guardo e piango. Ti guardo e sento montare dentro la rabbia e il dolore. Ieri è finito il Festival di Sanremo. La sai una cosa? Mentre Anna Tatangelo urlava a squarciagola “Bastardo!”, io, dentro di me, urlavo con lei, pensando a te. Ti guardo e piango. Vorrei accarezzare le tue guance. Vorrei abbracciarti così forte da toglierti il respiro. Vorrei prendere le tue mani e trasmetterti la voglia di vivere, comunque. Vorrei soffrire con te, per te. Vorrei riuscire a lenire il dolore. Vorrei essere la fata Smemorina. Vorrei volare come Trilli, sopra di te, e spargere chili di polvere della felicità sul tuo capo. “Rò, è come se uno fosse andato in ospedale tante volte per la stessa dolorosa e cattivissima malattia. Poi, proprio quando tu credi di essere in fase terminale, qualcuno, ti fa credere che c’è una medicina stupenda e tu ti convinci che forse è vero; che ce la puoi fare anche tu. Poi, invece, scopri che era veleno, puro veleno che ti ha fatto ritornare a stare male come prima, se non peggio. E ora io devo tornare in quell’ospedale e rifare tutte le cure; cure per rimettere a posto il mio cuore disastrato e la mia anima persa nel dolore. Rò, il fatto è che io non voglio andare in quell’ospedale. E’ troppo doloroso. Non voglio.” 😦 Come ci si sente? Male. Ci si sente di una merda che non ti puoi immaginare, a dire la verità a qualcuno che ami pur di non vederlo soffrire peggio di ora. Ci si sente male a pensare di dire: “Tu meriti molto di più. Che ci stai a fare a farti prendere per il culo così palesemente?!” e poi dirsi che sò tutte stronzate perchè la fame d’amore porta la gente ad abbassarsi così tanto da farsi calpestare e schiacciare fino a diventare creta da modellare a piacimento, nelle mani dei manipolatori delle nostre anime. Ci si sente male a sbattere in faccia la verità a qualcuno che sta disperatamente cercando di non vederla. Io, però, da fuori la vedo, tesoro mio, questa schifosa verità. Io la vedo e prevedo pure. Prevedo più dolore di ora. Prevedo più lacrime e male al cuore di ora. Prevedo più notti insonni di ora. Prevedo pericolo, tanto pericolo perchè tu sei debole e fragile e lui lo sa, oh, se lo sa 😦 Tesoro, tu fai pure quello che vuoi. Nascondimi pure i tentativi che farai per rivederlo, risentirlo, riviverlo. L’ho fatto pure io, che ti credi, e capisco e comprendo. Nascondimi le lacrime che inzupperanno il tuo cuscino. Le ho piante pure io. Nascondimi la forza dei tuoi pugni contro il muro e la voglia di scomparire per sempre. Anche quelle, lo sai, sono state amiche mie. Però, tesoro mio, fammi un favore. Se ci riesci, ti prego, ti prego, ti prego. Non dimenticare mai che io sto qua e quando deciderai di entrare in quell’ospedale, io ti accompagnerò, non importa l’ora, il luogo, il giorno o l’anno. Ricordati, infine, solo questo: che io ti voglio bene; un bene grande come il mondo; un bene così grande che il tuo dolore diventa il mio e la tua gioia sarà sempre la mia. Cosa ci sta in mezzo? L’amicizia, tesoro mio, l’amicizia; solo quella.

3 pensieri riguardo “Bastardo

  1. devi essere quell’amica che si vede nel momento del bisogno…
    in pochi ce l’hanno.
    son tantissimi gli amici quando non si ha bisogno di loro… ma poi… nei momenti più duri e bui spariscono… direi che questa persona nella sua sfortuna è fortunata ad averti

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...