Al ladro! Al ladro!

Auguro solo una cosa a quel maledetto, infimo, malefico, stronzissimo (e mi fermo qua perché questo è un blog raccomandato…) ladro che si è fottuto

la mia Panda verde acqua del ’97 esattamente una settimana fa. Sì ti auguro solo una cosa, ovunque tu sia: tante devono essere le rottura d’ossa nelle quali incapperai perché cadi, sbatti o te le spezzano a forza di calci senza anestetico e tante devono essere le corse al cesso per la cagarella a spruzzo che ti coglierà inaspettatamente, da adesso in poi, a intervalli regolari di 4 ore e 4 giorni, quante le lacrime che ho versato e che ancora verso. Non te la sto a tirare, anzi, te lo auguro proprio e accenderò un cero ogni sera solo per questo perché non sai, brutto maledetto, il dolore che si prova a perdere una compagna di vita dopo che se ne sono passate così tante negli ultimi 12 mesi. Non faccio la lista di ciò che Pandina rappresentava per me. Sappi solo che con Lei io e Laura parlavamo e ci complimentavamo, soprattutto quando faceva in due ore e mezza a 130 all’0ra la Sanremo-Milano, con lo stereo delle audiocassette a palla con la musica di Massimo Ranieri che io e Laura cantavamo come delle pazze. Tu non sai che era il regalo di “gravidanza” di Marco. Tu non sai che, tra le pieghe dei suoi sedili azzurro scuro, io ho pianto e riso e amato. Tu non sai un’emerita mazza di quello che vuol dire amare un’auto per quello che è e basta. Tu non sai niente dell’affetto e del senso di libertà che quell’auto mi dava tutte le volte che litigavo con Marco e scappavo via a Vermezzo per fermarmi davanti al cimitero e piangere, piangere, piangere per poi tornarmene di nuovo, con lei a casa. Tu non lo sai, maledetto, perché se lo avessi saputo, MAI ti saresti permesso di portartela via. Qualche pirla ha detto che l’auto per l’uomo è l’estensione del suo pene? Mah, mi sembra una stronzata perché io il pene non ce l’ho, ma la mia auto l’adoravo e la trattavo come una di famiglia. Fosse anche solo per il fatto che c’era. Non sai lo shock quando mi sono resa conto che non c’era più. Non sai quante volte sono scesa dall’autobus di corsa, nell’ultima settimana, se vedevo una come lei, per controllarne la targa. Non sai quanto ho pianto davanti alla poliziotta che, capiva credimi, quando ho fatto la denuncia. Non lo sai… Non so se tornerai mai da me, Pandina. So solo che mi manchi immensamente. Mi manchi immensamente e ti immagino spersa e spaurita come un bambino rapito, senza i suoi genitori e mi si stringe il cuore. Mi manchi e sappi che, pur potendo comprarne un’altra con un po’ di sacrifici, ti aspetterò, non so fino a quando, ma ti aspetterò perché io senza di te, del tuo profumo, del tuo sterzo durissimo, del tuo cambio dispettoso, dei tuoi tappetini impestati di pioggia, del tuo portapacchi interno inesistente, della tua frizione corta e capricciosa, del tuo freno a mano che non frenava ‘na mazza, insomma, senza di TE, mi sento vuota e come un cavalier virtuoso senza il suo fedele e magico destriero. Una carezza sul cofano, ovunque tu sia…

3 pensieri riguardo “Al ladro! Al ladro!

  1. Quel TE maiuscolo mi hanno dato l’ultima botta di dolore per te
    Una esperienza del genere non l’ho mai vissuta e la lascio a te con la massima comprensione. Dico che la ritrovi, da Trieste a Montenegro nelle mie scorribande estive di usate tantissime dalla bianchina alla sinca ma di pande poche e più rcenti. Il mio PiK è così scornato che non fa gola a nessuno fa 7km al litro ma boschi e fiumi non lo suopera nessuno.
    Buona settimana.

    "Mi piace"

  2. credo che la ritroverai di certo. Non è un auto di grossa cilindrata che spesso prendono la via dell’estero.
    Capisco il tuo stato d’animo e concordo nelle “benedizioni” che hai fatto a quel delinquente che l’ha rubata…

    "Mi piace"

  3. @antonio: non credo proprio che la ritroverò. dicono che le Panda come lei sono quelle più rubate. Ci posso credere. Costa poco mantenerle perchè sono fatte di titanio, ti portano ovunque, consumano poco e non danno nell’occhio…

    @andrea: vorrei tanto, credimi, ritrovarla… ma dispero, oramai. grazie per il supporto. un grande abbraccio

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...