T’ho sognato…

T’ho sognato, stanotte. Erano anni, anni e anni che non ti sognavo più. Dove sei stato tutto questo tempo? Cosa hai fatto? Per cosa hai sorriso? Per cosa hai pianto? Quello sguardo che ammaliava sorridendo, fa ancora parte di te o sono arrivate le rughe e le responsabilità di una famiglia a sostituirlo? Quando hai chiuso gli occhi, di notte, qualche volta, il tuo pensiero è corso da me? Il mio sì… qualche volta. Mi chiedevo dov’eri e cosa facevi. Poi pensavo che mi sembrava fosse stata un’altra vita, un’altra Rosa, un altro Ben, un’altro pianeta e, sorridendo, mi addormentavo. Ma, prima, ti rivedevo, in quella camera piccola, scalcagnata e luminosa al 37 di Shepherd’s Bush Road,  dove vivevamo. Ti vedo: in piedi, davanti al letto, schiocchi le dita a suon di musica, ti dirigi verso di me con quel sorriso assassino e mi chiedi: “Sweet precious Warda, when will you marry me?” Mi hai fatto tremare il sangue. Mi hai fatto bollire il sangue. Mi hai insegnato cose che non ho mai dimenticato. Non è passato giorno o notte senza fare l’amore più e più volte… Non è passato giorno o notte senza condividere pensieri, progetti, sogni, idee, culture. Mi hai fatto vivere momenti stupendi; emozioni e scoperte di un’età che non ritorna. Mi hai fatto ridere. Mi hai pure messo più corna tu di un cestino da 10 kg pieno di lumache infoiate… perciò… vedi d’annà a trovà qualcun’altra in sogno, và…. 😀 😀 😀

7 pensieri riguardo “T’ho sognato…

  1. Bello dall’inizio alla fine; ma il finale è da sballo! Io sogno molto spesso mio padre (a distanza di 16 dalla sua morte lo sogno un po’ meno ma continuo a sognarlo: mi sembra vivo e nel sogno sta bene; i sogni colmano per qualche istante il vuoto che ha lasciato nel mio cuore). Lo so che è freudiano e forse anche banale, ma nel mio caso il sogno è la compensazione di un desiderio represso: in qualche modo colmano la sua mancanza. Da giovane sognavo di volare: era bellissimo (ma in quel caso era più l’effetto di certe letture o magari di qualche assunzione non proprio ordinaria; ora non ricordo; o magari compensavano la mia mancanza di amore o facevano parte della mia ricerca personale; non saprei…); qualche volta facevo anche sei sogni erotici; ma non erano legate a persone che avevo amato nella realtà: erano più dei sogni ideali, totalmente immaginari. La dimensione onirica, comunque, mi ha sempre affascinato. A volte vorrei saperne di più. Buon fine settimana. Albix

    "Mi piace"

    1. Ciao Albix, i sogni sono un mondo fantastico da esplorare. Sono convinta che, certe volte, quando sogniamo andiamo davvero in altri mondi; altre realtà dove un nostro “sosia” (prendila con le pinze…) vive una vita diversa da questa che viviamo qua… Io sogno ancora di volare per non dire gli altri sogni… la settimana scorsa ho sognato che “mi intrattenevo” con Berlusconi…mi è venuto male al cuore, al risveglio 😀

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...