Certe notti…

Ci sono notti ‘more mio
ca veng chian chian
vicino ‘o lietto tuoie
a suspirà e a penzà

penzo cà lacrime e dulure
nun m’anno fatto niente
e maje mi stroncheranno
pecché io tengo a te

po’ tu te muove e io
te tocco a’ mano janca
sciuscianno chiano chiano
pe’ nun te fa scetà

a vocca toja sorride
e ‘a mano stregne ‘a mia
che forza, ‘more mio
che forza ca me daje

sì bella, ‘more mio
sì cosa doce e grande
sì lacrime e dulore
sì chella ca io volevo

sì bella ‘more mio
quanne po’ arap l’uocchie
e surrirenno dici:
“mamma, ma che fai qua?”

“niente anema mia, niente…”

Rosa Parrella (05/10/2013)

5 pensieri riguardo “Certe notti…

  1. “Certe Notti la macchina è calda e dove ti porta lo decide lei…” scusami ma ogni volta che leggo Certe Notti, inizio a cantarla, forse, sono malato per questa canzone, e per Ligabue, ovviamente. Rosa, sai che ti dico “i figli so piezz e core”. Questa tua poesia, mi ha fatto venire in mente ciò che diceva mio nonno Peppino, i figli bisogna baciarli solo quando dormono. Gli uomini di una volta, che non volevano farsi vedere affettuosi dai propri figli, un po’ ricorda al tuo sguardo affettuoso su tua figlia di notte. Saluti!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...