Senza certezze

Sto litigando con la mia nipotina per una pallina di plastica. Sto litigando davvero. Mi guardo da fuori. Mia sorella pensa che sia uno scherzo, mio cognato pure, ne sono sicura, e pure Laura, che stanno assistendo a questo sipario tra zia di 52 anni tra 3 mesi e nipote che va all’asilo. Continua a leggere “Senza certezze”

Zenzero candito e la strada di casa

Zenzero fresco, acqua e zucchero di canna. Trovi tante ricette, su internet; io ti darò quella più potente e giusta. Giusta e potente perché l’ho provata io e perché per poter godere appieno delle proprietà di questo magnifico rizoma, j’à fà chèll cà te rich’io, occhei? 🙂

Continua a leggere “Zenzero candito e la strada di casa”

Glutammato monosodico e il prete traditore

E’ stupendo essere in ferie e non andare da nessuna parte. E’ semplicemente fantastico non avere nulla da fare o, almeno, potersi prendere tutto il tempo del mondo per fare tutto e niente. Tutto il tempo del mondo. Mi rigiro nel letto mentre sento il portinaio che, due piani più sotto, nel giardino, sta rimettendo a posto i bidoni della pattumiera. Continua a leggere “Glutammato monosodico e il prete traditore”

Percezioni

Sono, fondamentalmente, una persona molto triste io. Metto l’io alla fine della frase e senza virgola per non distinguerlo troppo dal resto della frase altrimenti sembra troppo autoreferenziale e perché, spesso e volentieri, mi è stato pure detto che la percezione che gli altri hanno di me è che “io” mi metto sempre per prima, a scapito degli altri. Io, io, io… Sempre io. Continua a leggere “Percezioni”